Uno schermo artificiale per proteggerci.

Ricerca, archeoastronomia, astrobiologia e scienze astronomiche in genere

Moderatore: gbianciardi

ortopositronio
Astrofilo
Astrofilo
Messaggi: 180
Iscritto il: 22/12/2012, 16:15
Località: Lombardia
Sesso: Non specificato - Non specificato
Contatta:

Uno schermo artificiale per proteggerci.

Messaggio #1 da ortopositronio » 05/03/2013, 10:50

Da alcuni anni, si è scoperto che i fulmini generano emissioni radio che si proiettano ad arco fino alla zona definita di sicurezza dalle emissioni solari e cosmiche. Questa emissione, genera l'allontanamento delle particelle provenienti dal sole, che potrebbero creare problemi sia a satelliti, dispositivi, generatori elettrici che alla nostra salute. Ho pensato, a questo proposito, alla possibilità di emettere artificialmente segnali radio su potenze e frequenze come quelle dei fulmini, per proteggerci ulteriormente, visto che non sempre la natura genera la quantità di fulmini necessari alla bisogna. Questo potrebbe avvenire in occasione di preallarme e per tutto il tempo delle forti emissioni solari.

Share This


0 0
0
0 0
Loading...
Hyperion
Astrofilo Senior
Astrofilo Senior
Messaggi: 2261
Iscritto il: 11/11/2004, 15:52
Località: Lombardia
Sesso: Non specificato - Non specificato
Contatta:

Messaggio #2 da Hyperion » 05/03/2013, 14:00

Ma di quanta energia stiamo parlando?!?!

giordirezza
Astrofilo
Astrofilo
Messaggi: 242
Iscritto il: 28/12/2012, 18:25
Sesso: Non specificato - Non specificato
Contatta:

Messaggio #3 da giordirezza » 05/03/2013, 18:57

Io non mi permetterei di modificare un equilibrio che dura da miliardi di anni e che ha sempre funzionato bene, ricordiamoci che di Terra ne abbiamo 1 per ora, non abbiamo spazio per sperimentazioni fallimentari.

gupise81
Astrofilo Senior
Astrofilo Senior
Messaggi: 2005
Iscritto il: 11/06/2011, 12:34
Sesso: Non specificato - Non specificato
Contatta:

Messaggio #4 da gupise81 » 05/03/2013, 20:50

Messaggio inserito da Hyperion

Ma di quanta energia stiamo parlando?!?!




Direi di concentrarsi su questo, per emettere potenze e frequenze simil fulmine avremmo bisogno di un'energia equivalente?

giordirezza
Astrofilo
Astrofilo
Messaggi: 242
Iscritto il: 28/12/2012, 18:25
Sesso: Non specificato - Non specificato
Contatta:

Messaggio #5 da giordirezza » 05/03/2013, 21:02

Non credo, esse sono un effetto secondario, come con un asciuga capelli, se io volessi emettere lo stesso suono di un asciuga capelli non dovrei usare la stessa energia, perchè solo una piccolisima frazione dell'energia viene persa sotto forma di rumore.

Stefano De C.
Moderatore
Moderatore
Messaggi: 1261
Iscritto il: 18/03/2011, 22:25
Località: Lazio
Sesso: Non specificato - Non specificato
Contatta:

Messaggio #6 da Stefano De C. » 05/03/2013, 21:11

Non mi pare che finora siamo rimasti scottati da tempeste solari.
Quelle intense al amssimo generano spettacolari aurore e causano qualche black-out

gupise81
Astrofilo Senior
Astrofilo Senior
Messaggi: 2005
Iscritto il: 11/06/2011, 12:34
Sesso: Non specificato - Non specificato
Contatta:

Messaggio #7 da gupise81 » 05/03/2013, 21:13

Comunque non conoscevo questo argomento, pensavo che il campo magnetico terrestre fosse più che sufficiente a proteggerci.

checcuzzo
Astrofilo Super Attivo
Astrofilo Super Attivo
Messaggi: 605
Iscritto il: 15/11/2012, 0:12
Località: Lazio
Sesso: Non specificato - Non specificato
Contatta:

Messaggio #8 da checcuzzo » 05/03/2013, 21:17

Idem, anche a me piacerebbe sapere come si puo generare tale energia, se ne puo valere la pena e se ci possono essere conseguenze

Avatar utente
serastrof
Forum Manager
Forum Manager
Messaggi: 6652
Iscritto il: 19/06/2009, 15:17
Sesso: Non specificato - Non specificato
Contatta:

Messaggio #9 da serastrof » 06/03/2013, 11:05

Messaggio inserito da ortopositronio
Da alcuni anni, si è scoperto che....

.... spesso, si parla di scienza in maniera troppo approssimativa.

Posso confessare che non ci ho capito nulla? Dunque, provo a ripassare la nozione a mente con voce alta: si verifica che venti e tempeste solari e cosmiche possono sconvolgere, tramite ad es. una sorta di "mitragliamento" (che palle, sempre la guerra di mezzo!) energetico a livello subatomico, il funzionamento di sistemi tecnologici in orbita, e quelli terrestri delle telecomunicazioni e dell'energia, con la conseguenza di "black-out", perdita di dati, sconvolgimenti di funzioni computer aided importanti a livello di massa. Infine, radiazioni e flussi di particelle, se ci piovono addosso troppe e troppo a lungo, possono comportare danni alla salute umana.

I fulmini (da che mondo è mondo, no?) da sempre ci starebbero proteggendo da tutto ciò.

(Da soli, gratis et amore deo, senza presentarci alcuna parcella? Strano, veramente fuori dalla logica del mondo!) Fico! Grazie, Madre Natura, ancora una volta ci inginocchiamo (uhmmm..... mica lo so quanti lo fanno davvero, e davvero sinceramente...) davanti alla tua bontà.

(Però, di contro, se ci sono troppi fulmini e saette....).

Ed allora ecco la lampadina: inventiamo qualcosa che a comando, spingendo un bottone, faccia la parte buona dei fulmini senza quella cattiva?
Bene, la scienza ci lavori pure. Ma chi gli darà i soldi? Che domande, i lavoratori dipendenti, no?


===========

Essendo argomenti sicuramente poco quotidiani, personalmente ritengo che forse sarebbe bene citare un po' di fonti, o richiamare qualche osservazione oggettiva, con riferimenti spaziotemporali certi, introducendo un po' meglio i segmenti di argomenti.

Inoltre, mi preme far presente che il problema dell'uomo è di ricordarsi che ogni sua azione sull'ecosistema ha sempre generato una serie di riflessi e reazioni a catena, per lo più imprevedibili ed impreviste.

Infine, sicuramente andrà valutato il classico rapporto costi/benefici: le tempeste solari hanno solo svantaggi, e mai vantaggi? Quale e quanto il danno eventuale da cui difendersi, ed a che prezzo?

Cieli Sereni e stellatissimi
Serastrof
______________________________________________
E' morto Chavez, avvelenato dai suoi nemici di sempre, come Arafat e Litvinenko.
Dicono che era un caudillo. Ma in 14 anni è stato rieletto 15 volte, diceva di se stesso che doveva restare solo un servo del popolo, restituiva agli indigenti le sue prebende e fu uno dei pochi colonnelli della Storia che si rifiutò di sparare contro il popolo in rivolta per il pane. Coi proventi americani del petrolio venezuelano ha finanziato migliaia di organizzazioni umanitarie di un intero pianeta, ed una sanità d'eccellenza gratuita perfino per i ricchi occidentali. Ha speso la sua vita per la pace mondiale, ma il nobel l'hanno dato all'Imperatore Obama ed all'Europa dei banchieri.

checcuzzo
Astrofilo Super Attivo
Astrofilo Super Attivo
Messaggi: 605
Iscritto il: 15/11/2012, 0:12
Località: Lazio
Sesso: Non specificato - Non specificato
Contatta:

Messaggio #10 da checcuzzo » 06/03/2013, 12:58

Quoto pienamente, Sergio

ortopositronio
Astrofilo
Astrofilo
Messaggi: 180
Iscritto il: 22/12/2012, 16:15
Località: Lombardia
Sesso: Non specificato - Non specificato
Contatta:

Messaggio #11 da ortopositronio » 06/03/2013, 15:56

Per Hyperion e Gupise: gigawatt di potenza.


Gupise: il campo magnetico sta 'perdendo' colpi. Anche l'ozono si sta assottigliando.

Stefano: ti invito a documentarti meglio sui rischi dell'attività solare. Non esiste pericolo solo per una banale scottatura. Ci sono pericoli non solo per la salute, ma anche per la nostra civiltà tecnologico_dipendente: centrali elettriche in primis. Sai che se andasse tutto in tilt, morirebbero milioni di persone? Ormai, piaccia o no, siamo totalmente dipendenti dalla tecnologia. Un male?Un bene? Troppo tardi per tornare indietro.


Checcuzzo: molto è riportato negli studi di Tesla sulla trasmissione dell'energia nell'etere e non mi risulta che sia stato considerato un criminale di guerra(l'ironia non è rivolta a te). Si tratta di fare quello che fanno i fulmini nei momenti di pericolo causati dall'intensa attività solare, in quanto, non è che possiamo evocarli con riti sciamanici.

Avrei scommesso che si fosse scomodato l'equilibrio. Ah! L'equilibrio: come torna sempre comodo quando si vuole controbattere una proposta.Il trasporto di energia, ad esempio, in alta tensione sconvolge sensibilmente l'ecosistema coinvolto, ma qui, a quanto pare, nessuno si preoccupa, con altrettanto zelo, dell'equilibrio; tanto, l'importante e che si possa inserire nella presa di casa la spina dei nostri computer per scrivere delle nostre paure. Chissenefrega di come viene prodotta. Chissenefrega se gli elettrodotti causano disturbi di ogni tipo all'ambiente e alle persone. E che dire delle nostre tanto care automobili e delle moto? Per non parlare delle nostre abitudini quotidiane, dall'uso di prodotti chimici al fast food? E non ditemi che tutti voi vivete in una caverna bevendo l'acqua piovana e che vi trovate a scrivere col computer perchè casualmente ne avete trovato uno per strada e che, magari, si ricarica con la luce. No! Meglio 'attaccare' l'idea di emettere, per qualche secondo, segnali radio in alta quota e guardare altrove per il resto.

Pace all'anima di Chavez; ma siccome spesso e volentieri sono stato invitato, giustamente per carità, a restare in tema, vorrei sapere cosa c'entra con l'attività solare la sua dipartita; a meno chè, questa non abbia influenzato i pensieri dei cattivi imperialisti americani al punto da elaborare un piano per avvelenare un presidente. OBAMA!Mettiti in testa un cappellino da sole; sii buono.

Hyperion
Astrofilo Senior
Astrofilo Senior
Messaggi: 2261
Iscritto il: 11/11/2004, 15:52
Località: Lombardia
Sesso: Non specificato - Non specificato
Contatta:

Messaggio #12 da Hyperion » 06/03/2013, 16:20

UNO VIRGOLA VENTUNO GIGOWATT!?!? [:D][;)]

Immagine:

Immagine

5,93 KB

(Immagine piccolissima, ma dal telefonino faccio fatica..)

Stefano De C.
Moderatore
Moderatore
Messaggi: 1261
Iscritto il: 18/03/2011, 22:25
Località: Lazio
Sesso: Non specificato - Non specificato
Contatta:

Messaggio #13 da Stefano De C. » 06/03/2013, 21:56

L'ozono è stato seriamente danneggiato, ma abolendo i CFC ormai da 20 anni, la situazione è migliorata, però bisognerà attendere ancora almeno 50 anni (una molecola di CFC impiega 6-8 anni per andare nella stratosfera e decenni per distruggersi.
Non vedo che cosa c'entri la tempesta solare con l'ozono (significa che con emno ozono apssano più raggi UV, ma quelli passano sempre, anche ina ssenza di tempeste solari.
poi che un black out causi milioni di morti è una pura esagerazione

checcuzzo
Astrofilo Super Attivo
Astrofilo Super Attivo
Messaggi: 605
Iscritto il: 15/11/2012, 0:12
Località: Lazio
Sesso: Non specificato - Non specificato
Contatta:

Messaggio #14 da checcuzzo » 07/03/2013, 1:02

Avevo sentito anche io , tempo fa, che nel caso di una notevole tempesta solare, potrebbe, anzi quasi sicuramente, portare ad una paralisi dei sistemi elettrici, partendo dai satelliti per poi coinvolgere tutte lle apparecchiature collegate alla rete. Perche andrebbe ad intaccare proprio quella. Non mi pronuncio sul numero di disastri che puo comportare una cosa del genere, ma e' vero quello che dice Orto sul fatto che siamo totalmente dipendenti dalla tecnologia. Non credo che sia sbagliato esserlo, se fosse utilizzata in maniera piu positiva e rinnovabile sarebbe meglio.( solo un mio pensiero). Poi su come prendere precauzioni non saprei. Di certo e' che se dovesse succedere e lo sapremmo in tempo credo che basti spengere tutto per un po

ortopositronio
Astrofilo
Astrofilo
Messaggi: 180
Iscritto il: 22/12/2012, 16:15
Località: Lombardia
Sesso: Non specificato - Non specificato
Contatta:

Messaggio #15 da ortopositronio » 07/03/2013, 1:19

Non faccio più battute sui filmettini di fantascienza, ne le commento, da quando andavo alle elementari.Ho perso quindi l'allenamento e quindi, sorry, non replico.

La sensibile riduzione della fascia di ozono è sinonimo di degrado e volevo dire che è un problema aggiuntivo a quello in argomento. Già abbiamo problemi con i raggi UV, figuriamoci anche con il resto.Spero di essermi spiegato compiutamente in proposito e comunque l'ozono non è minacciato solo da C.F.C..
Mi spiace Stefano, ma gli esperti intervistati da Discovery Channel, National Geographic e Focus TV non la pensano come te. Anche la rivista Focus ha riportato, in un articolo, stime molto elevate di danni e morti. C'è da dire che quest'ultima, secondo me, non è caratterizzata da molto rigore scientifico ma poichè è fortemente influenzata dal C.I.C.A.P., non credo che avrebbero fatto passare una notizia se ritenuta come esageratamente catastrofista e poco scientifica.


Torna a “Scienze astronomiche”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite