Info meccanica Fasi Lunari

Ricerca, archeoastronomia, astrobiologia e scienze astronomiche in genere

Moderatore: gbianciardi

ross4481
Utente Principiante
Utente Principiante
Messaggi: 17
Iscritto il: 07/04/2017, 23:48
Sesso: Non specificato - Non specificato

Info meccanica Fasi Lunari

Messaggio #1 da ross4481 » 16/01/2019, 13:17

Salve,

sono neofita di astrofisica, avrei una domanda riguardante le fasi lunari:

come mai la luna è sempre in equinozio con il sole? cioè come mai i raggi solari sono SEMPRE perpendicolari all'asse di rotazione lunare? (altrimenti non si spiegherebbero le fasi lunari sempre uguali nel tempo)

Wikipedia dice:
L'inclinazione media dell'orbita lunare rispetto al piano dell'eclittica è di 5,145°. Inoltre l'asse di rotazione della Luna non è perpendicolare al suo piano orbitale, ma è inclinato di un valore costante di 6,688°. Si potrebbe pensare che, a seguito della precessione del piano orbitale della Luna, l'angolo tra l'equatore lunare e l'eclittica possa variare tra la somma (11,833°) e la differenza (1,543°) di questi due angoli. Tuttavia, come fu scoperto da Jacques Cassini nel 1722, l'asse di rotazione della Luna è soggetto a precessione con la stessa velocità del suo piano orbitale, ma è sfasato di 180° (vedi legge di Cassini). Così, anche se l'asse di rotazione della Luna non è fisso rispetto alle stelle, l'angolo tra l'eclittica e l'equatore lunare è sempre di 1,543°.

Questo significa che la luna ha una relazione diretta con il sole (se si quale?), pur non avendo un movimento strettamente relativo ad esso.
Che spiegazione scientifica da l'astrofisica, a questa coincidenza a dir poco sconvolgente?

Grazie per le eventuali delucidazioni.

Share This


0 0
0
0 0
Loading...
Avatar utente
serastrof
Forum Manager
Forum Manager
Messaggi: 6640
Iscritto il: 19/06/2009, 15:17
Sesso: Non specificato - Non specificato
Contatta:

Re: Info meccanica Fasi Lunari

Messaggio #2 da serastrof » 20/01/2019, 3:20

Ciao, benvenuta/o nel Forum.
Purtroppo ti leggo solo ora.

Personalmente non sono astrofisico, solo un astrofilo amatoriale. Ciò nonostante, non mi sembra che possa sussistere alcuna relazione tra le lieve inclinazione dell'asse lunare, ed il Sole. La Luna possiede i suoi moti, derivanti dalla risultanza degli effetti gravitazionali congiunti della Terra sulla Luna e del Sole sulla Terra (ed in misura molto minore anche sulla stessa Luna).

Confesso di non essermi mai posto la domanda del perché un dato corpo celeste possieda una data inclinazione del proprio asse, ovvero come l'abbia acquisita e perché la mantenga (oppure la modifichi).

Incuriosito dal tuo quesito, apprendo che le inclinazioni assiali dei corpi celesti sarebbero molto variabili. Quello di Urano - ad esempio - è quasi orizzontale, quasi coincidente col piano dell'eclittica (piano dell'orbita di rivoluzione dei pianeti attorno al Sole). Ha un significato, ciò? Cosa implica? Da cosa è provocato?
Sta di fatto che mentre la Terra procede nell'orbita in posizione abbastanza inclinata (il che provoca l'alternarsi delle stagioni), la Luna continua a girarci attorno pressocché "dritta in piedi" come un soldatino impettito.

Inoltre mi viene da raffigurarmi che quindi la Luna, girando attorno alla Terra, possa venire a trovarsi ora "sopra" ora "sotto" il piano della ns. orbita, poichè la interseca almeno 2 volte ogni rivoluzione, sia pure per pochi gradi. Leggo da Orbita Lunare: "...L'inclinazione media dell'orbita lunare rispetto al piano dell'eclittica è di 5,145°. Inoltre l'asse di rotazione della Luna non è perpendicolare al suo piano orbitale, ma è inclinato di un valore costante di 6,688°...... Diversamente dalla maggior parte dei satelliti degli altri pianeti, l'orbita della Luna è vicina al piano dell'eclittica e non al piano equatoriale della Terra. Il piano dell'orbita lunare è inclinato rispetto all'eclittica di circa 5,1°, mentre l'asse di rotazione della Luna è inclinato di soli 1,5°.".

Infine, e sempre senza alcuna pretesa di rispondere con ciò al tuo quesito, osservo che i raggi solari si assumono SEMPRE come paralleli, in quanto provenienti da una distanza sufficientemente rilevante e soprattutto da un corpo celeste di dimensioni molto maggiori alle nostre.

schemaeclisse2.jpg
schemaeclisse2.jpg (163.42 KiB) Visto 114 volte
Guardare all'Infinito, agire nel Finito
Alzare la testa, allargare il pensiero
serastrof@yahoo.it per un'astrofilia popolare e di massa

ross4481
Utente Principiante
Utente Principiante
Messaggi: 17
Iscritto il: 07/04/2017, 23:48
Sesso: Non specificato - Non specificato

Re: Info meccanica Fasi Lunari

Messaggio #3 da ross4481 » 20/01/2019, 20:27

Grazie per la risposta,

si, il problema che ho posto è molto complesso e dipende molto da come si è formata la luna, ci sono tante ipotesi in merito ma nessuna definitiva.

L'inclinazione dell'asse di rotazione dei pianeti (e sopratutto dei satelliti naturali) è un vero mistero, ma è tutto magicamente spiegabile dalle formule, però nessuno sa da cosa siano influenzati veramente.

Riguardo la Luna, il mistero si infittisce ancora di più, perchè il suo asse non è immobile ma subisce un moto di precessione che, guarda caso, è identico al moto di precessione del suo piano orbitale (ma sfasato precisamente di 180°)

Insomma coincidenze su coincidenze... ma dicono che è tutto normale.

Avatar utente
serastrof
Forum Manager
Forum Manager
Messaggi: 6640
Iscritto il: 19/06/2009, 15:17
Sesso: Non specificato - Non specificato
Contatta:

Re: Info meccanica Fasi Lunari

Messaggio #4 da serastrof » 25/01/2019, 14:42

Beh... le formule possono spiegare (rectius calcolare) i rapporti quantitativi, le "relazioni" esistenti fra i fenomeni che si verifcano nell'Universo (o nel più concettuale "reale"), ma si limitano ad osservarli, a "fotografarli" per come essi sono in un dato momento ed al massimo a prevederne l'evoluzione futura ed a ri-calcolarne quella già percorsa. Ma non ti spiegano il perchè intimo ed ultimo delle cose, dell'essenza della realtà.

Poichè - se ci pensiamo - spesso la cd "Conoscenza" (il fare Scienza) è pur sempre una limitatissima "occhiata" sulle cose, una pura osservazione di ciò che si manifesta.
Ma alla semplice "occhiata", quando questa non è superficiale e distratta può seguire l'elaborazione d'una teoria che ne interpreti, simuli e riscontri il funzionamento.

Le tue domande sono piu che legittime, e frutto di sincero spirito scientifico. Ma da lì a saltare alla conclusione che talune similitudini, pur ripetute e sovrapponentesi, possano esser in rationale reciprocità, subordinazione o risultanza... personalmente non ho alcun titolo né capacità operative per eventualmente permettermelo.

A naso, a "sentimemt", e fino a riprova del contrario, non mi viene dentro, d'aderire al tuo stupore. Ma tali tue riflessioni potrebbero costituire un fertile terreno d'indagine e di ricerca, tali da aggiungere davvero qualcosa di sensibile al già noto. Per cui devi assolutamente approfondire, e non abbandonare la ricerca della risposta a quest'assillo. Ovviamente nel limite del sensato, e fintantoché "ne vale la pena".

Non credo alle coincindenze, poichè anche quest'ultime hanno una loro ragion d'essere più nobile della pura casualità o dello scherzo del destino. Qualcosa c'insegnerenno pure, se ben lette.

Ad esempio, mi pare che da tutto 'st'ambaradam d'angoli ed inclinazioni, emerga con chiarezza un unico mcm: non sono mai perfettamente uguali fra loro al millesimo spaccato (che noia sarebbe l'Universo!) ma sempre più o meno ravvicinati, simili, uguali ma non troppo, identici ma mai completamente, gemelli ma diversi.

In effetti, probabilmente ogni corpo celeste non può non avere un moto di precessione ed anche di nutazione, sia esso del proprio asse, che del piano orbitale, che d'ogn'altra componente rototraslativa. Ergo: ogni asse, piano, massa, campo, etc... oltre che avere una sua specifica geometria "primaria", sembra essere sempre accompagnato anche da una sottodimensione, da una plus-conformazione di dettaglio, che contrasta e distrugge la sua apparente "precisione" unitaria, da un lato; e dall'altro la completa, l'arricchisce e la ri-disegna ricostituendola al 100%.

Prosaicamente, la chiamerei una sorta di "perfetta imperfezione" che pervade tutto l'Universo fin nella sua ultima infinitesimale "particella".

Anzichè limitarsi ad esser preciso ed identico a sé medesimo, sembra proprio che ogni elemento della catena voglia o sia costretto a mutare almeno un pochettino, a non restare inespressivamente fermo o vincolato in un'unica conformazione deterministicamente già data ed immutabile "aere perennis".

Ciò nonostante, gli è dato, al massimo, soltanto un minimo grado di libertà (chiasma intenzionale), che DEVE obbligatoriamente utilizzare "giorno per giorno", per compiere una missione particolarissima: effettuare un "giro" completo su stesso ed intorno ad un altro, per poi tutti procedere "avanti", nello Spazio e nel Tempo.

Avanti? Si, con ed in una Circolarità che non riusciamo a concepire altro che totale. Circolarità davvero totale e perfetta?
Guardare all'Infinito, agire nel Finito
Alzare la testa, allargare il pensiero
serastrof@yahoo.it per un'astrofilia popolare e di massa

Stefano De C.
Moderatore
Moderatore
Messaggi: 1256
Iscritto il: 18/03/2011, 22:25
Località: Lazio
Sesso: Non specificato - Non specificato
Contatta:

Re: Info meccanica Fasi Lunari

Messaggio #5 da Stefano De C. » 27/04/2019, 17:41

Il fatto che molti corpi celesti presentino l'asse inclinato, è dovuto a moti di attrazione gravitazionale con altri corpi celesti.
La luna conferisce stabilità al nostro asse di rotazione del resto (infatti ho letto, Marte ha un'asse di rotazione con inclinazione molto più mutevole rispetto alla nostra (che può andare da 22° a 24°, con effetti anche sul clima)


Torna a “Scienze astronomiche”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Semrush [Bot] e 1 ospite