cielo buio patrimonio umanità

Se avete qualcosa da dire alla UAI, questo è il luogo giusto per farlo. Risponderà Giorgio Bianciardi, vicepresidente dell' Unione Astrofili Italiani.

Moderatore: Pite

Rispondi
Avatar utente
serastrof
Forum Manager
Forum Manager
Messaggi: 6712
Iscritto il: 19/06/2009, 15:17
Contatta:

cielo buio patrimonio umanità

#1

Messaggio da serastrof »

E' in corso una campagna di pressione democratica e civile, affinché il "cielobuio" sia dichiarato da parte dell'UNESCO patrimonio dell'Umanità, come é intuitivo che sia, ma all'atto pratico non lo é.

Chiedo di conoscere la Vs. posizione, e se non sia il caso che gli astrofili italiani non siano appositamente spronati ad impegnarsi in tale "movimento" di pensiero.

Pur se possa apparire mancante di risvolti pratici immediati, comunque può portare all'attenzione della collettività la necessità di tutelare un bene fondamentale invia d'estinzione: il buio del cielo notturno!

Se non gli astrofili, chi?



Avatar utente
serastrof
Forum Manager
Forum Manager
Messaggi: 6712
Iscritto il: 19/06/2009, 15:17
Contatta:

#2

Messaggio da serastrof »

scusate l'insolenza, ma non era la sezione "colloquio" con...?

gbianciardi
Utente
Utente
Messaggi: 41
Iscritto il: 05/10/2006, 20:58
Località: Toscana

#3

Messaggio da gbianciardi »

Sai bene come la UAI sia attiva nel campo della lotta all'IL. Sulla rivista la Rubrica fissa del Presidente UAI sulla materia specifica con i consigli e i suggerimenti alla lotta contro l' Inquinamento Luminoso. L' UAI è con l'UNESCO e con tutte le strutture che sono sensibili a questo tema.
Ho risposto ora per ricordare la bella notizia fresca fresca di oggi: si è concluso il primo processo in Italia per violazione contro le norme sull' IL (causa vinta).
http://uai.it/web/guest/uainews/journal ... 100/257825
Il Presidente UAI è colui che fatto causa.

Giorgio

Avatar utente
serastrof
Forum Manager
Forum Manager
Messaggi: 6712
Iscritto il: 19/06/2009, 15:17
Contatta:

#4

Messaggio da serastrof »

educarne uno per educarne 8000

Rispondi

Torna a “A colloquio con l'UAI”