Immagini con uno spettroscopio

Tutto sulla spettroscopia

Moderatore: fulvio mete

Rispondi
fulvio mete
Astrofilo
Astrofilo
Messaggi: 173
Iscritto il: 28/04/2011, 20:01
Località: Lazio
Contatta:

Immagini con uno spettroscopio

#1

Messaggio da fulvio mete »

Salve a tutti,
non molti sanno che è possibile ottenere immagini da uno spettroscopio usandolo come un sofisticato filtro selezionabile in ciascuna lunghezza d'onda di interesse.La tecnica vale per il sole, nel qual caso lo spettroscopio assume la denominazione di spettroelioscopio, ma anche per la luna, per qualche pianeta, ed (in teoria) anche per stelle e nebulose, per le quali tuttavia le difficoltà aumentano di molto per la bassa luminosità dell'oggetto.
Allego, a titolo di esempio, una composizione di tre immagini parziali del disco solare riprese lo scorso 19 e 21 aprile nelle tre principali righe della serie di Balmer dell'idrogeno nel visibile (H alfa; H beta e H gamma)nel quadro di una ricerca intesa a definire la differenza di flusso della regione attiva 1193 rispetto alla cromosfera in quiete risultante dalle immagini(i colori non sono reali, essendo stata usata una camera DMK 31 AF momocromatica applicata al mio spettroscopio solare VHIRSS con la tecnica della scansione del disco).

Immagine:

Immagine

154,95 KB



Avatar utente
Pite
Forum Manager
Forum Manager
Messaggi: 5696
Iscritto il: 07/09/2005, 14:26
Località: Piemonte - Veneto
Contatta:

#2

Messaggio da Pite »

UHMMMMM..... ma in pratica.... come si fa....

Altra domanda... le tre immagini.... che ci dicono?

Scusa, capisco la stupidatà delle domande, ma sono decisamente ignorante in materia....

fulvio mete
Astrofilo
Astrofilo
Messaggi: 173
Iscritto il: 28/04/2011, 20:01
Località: Lazio
Contatta:

#3

Messaggio da fulvio mete »

"UHMMMMM..... ma in pratica.... come si fa...."

Giusta domanda, Roberto
Detto in breve, si punta il sole con un telescopio messo a fuoco sulla fenditura di uno spettroscopio di risoluzione adeguata,si pone il disco solare tangente alla fenditura stessa, quindi si ferma il moto orario e si avvia un filmato lasciando che,per effetto del movimento apparente del cielo il sole "scorra"sulla fenditura.Il filmato ottenuto si importa sotto IRIS o programma amalogo e si converte in Fits.Con un comando apposito IRIS prende la colonna del pixel centrale della riga che interessa (Ha, ad es.) e la affianca a quelle degli altri Fits, ottenendo un'immagine del sole in quella riga.

"le tre immagini.... che ci dicono?"

Le tre immagini ci dicono immediatamente che la transizione H Alfa è molto + efficiente di quelle H beta e H gamma, e che quindi in Cromosfera la probabilità di trovare atomi di Idrogeno in stato Ha è molto + elevata.Io tuttavia mi sto interessando al fatto che mi sembra (ma potrei sbagliarmi) che tale efficienza sia superiore nelle regioni attive, come del resto si osserva dalle foto, rispetto al resto del disco. Una prima misurazione "grezza", sempre con IRIS del rapporto fotometrico AR/cromosfera imperturbata sembrerebbe andare in tal senso, e non so se questo rientri nella normalità delle condizioni di temperatura e campo magnetico delle AR (anche perchè non riesco a trovare nulla che parli di tale fenomeno e nessuno che me lo spieghi a fondo)

Stefano De C.
Moderatore
Moderatore
Messaggi: 1282
Iscritto il: 18/03/2011, 22:25
Località: Lazio

#4

Messaggio da Stefano De C. »

Per la prima immagine so che absta un qualsiasi filtro che lascia passare solo la radiazione H-alfa e lo si vede rosso (in pratica ne vedi la cromosfera, visto 2 volte con altri telescopi)

fulvio mete
Astrofilo
Astrofilo
Messaggi: 173
Iscritto il: 28/04/2011, 20:01
Località: Lazio
Contatta:

#5

Messaggio da fulvio mete »

Per la prima immagine so che absta un qualsiasi filtro che lascia passare solo la radiazione H-alfa e lo si vede rosso (in pratica ne vedi la cromosfera, visto 2 volte con altri telescopi)



Certo, Stefano:
Dirò anche che , in genere, la qualità di resa dei filtri è superiore a quella delle immagini ottenute con gli spettroelioscopi, perlomeno con quelli come il mio, nei quali le immagini sono ottenute per sintesi digitale.
La differenza sta nel fatto che con uno spettroscopio si possono ottenere immagini (del sole, nel nostro esempio) in qualsiasi riga, ovvero in qualsiasi lunghezza d'onda ed elemento che caratterizza lo spettro solare.In pratica è l'unione di filtri Ha, H b, Hg, Ca2k, Ca2H, Mg, Na Fe1....e chi più ne ha ne metta, per acquistare i quali, ove fossero prodotti, occorrerebbero centinaia di migliaia di euro.
Lo spettroscopio di cui parlo, VHIRSS, mi è costato invece circa 600 €.

Avatar utente
elettrorider
Forum Manager
Forum Manager
Messaggi: 7339
Iscritto il: 14/04/2009, 13:36
Località: Toscana
Contatta:

#6

Messaggio da elettrorider »

Spettacolo!
Se ho capito bene ogni fotogramma del filmato contiene una riga (o colonna) di ogni lunghezza d'onda, quindi attraverso i vari fotogrammi, che registrano una posizione diversa del sole, si può ricostruire l'immagine completa, sommando le varie righe. Giusto

fulvio mete
Astrofilo
Astrofilo
Messaggi: 173
Iscritto il: 28/04/2011, 20:01
Località: Lazio
Contatta:

#7

Messaggio da fulvio mete »

Si, Stefano:
Iris mette una colonna di ciascun frame accanto a quelle (successive) dei vari frames del filmato.Se, quindi, io scelgo la colonna del pixel centrale della riga Ha, avrò un'immagine del sole nel centro riga Ha, in quanto il programma metterà a fianco la colonna del frame 1, quella del frame 2..del frame n, ottenendo un'immagine pari alla risoluzione della camera in Y ed al numero di pixel corrispondente al n. totale dei frames in X.

Avatar utente
elettrorider
Forum Manager
Forum Manager
Messaggi: 7339
Iscritto il: 14/04/2009, 13:36
Località: Toscana
Contatta:

#8

Messaggio da elettrorider »

Grazie Fulvio....

Rispondi

Torna a “Spettroscopia”